Archive for category gattovi

Situazioni

La situazione del mio conto oggi.

konto

0,09 SEK = 0.0103276 EUR

E’ tempo di ricorrere ai risparmi (in un altro conto).

Advertisements

4 Comments

Agonia

dente

Chi sceglie di diventare dentista deve avere una massiccia dose di sadismo in corpo.

Una delle esperienze più terrificanti della mia vita.

8 Comments

Featuring stars

Ladies and gentlemen, introducing…

Tiago och tage

Tiago e Tage (Tiago sulla destra, Tage sulla sinistra) sono le due aggiunte alla mia famigliola svedese. Al momento hanno circa 4 mesi e fino ad ieri fecvano una bucolica vita di campagna. Ad accoglierci nella fattoria in cui sono nati è stato… un cavallo. Non un pony: un cavallo come si deve. All’inizio ero un po’ intimorito dal gigante ma l’equino era amichevole e solo curioso.

Adesso sono gatti di città. Domani faranno una visitina dal veterinario per lo sverminametno e vaccini. Nonostante non siano con me da non più di 24 ore, ho già delineato i caratteri. Non fossi certo che sono fratelli perchè ho visto la mamma, direi che due micini non potrebbero essere più diversi: tanto più Tiago è amichevole e sempre in cerca di coccole (per niente intimorito dagli estranei) tanto Tage è riservato e pauroso.

La prima notte a casa l’hanno passata benissimo. Il mio timore era che si mettessero a miagolare in cerca della mamma. Invece sono stati tranquillissimi ed hanno dormito tutta la notte. Spero proprio che continui così.

8 Comments

Vecchie abitudini

Eccomi nella prima settimana da disoccupato.
Sono già stato all’Ufficio di collocamento (Arbetsförmedlingen) e mi ostinavo ad usare “noi” mentre descrivevo cosa faceva la ditta per cui lavoravo.
Mi ci vorrà del tempo per rimuovere quel noi a passare a “loro”. Così come ci vorrà del tempo per togliermi l’impulso di andare a controllare dettagli e informazioni relative al mio precedente impiego.
Intanto mi sto godendo il limbo. Non è la stessa sensazione delle ferie: non ho l’angoscia di tornare in ufficio e trovare un mare di problemi in sospeso, colleghi che prenderei volentieri a calci, capi che meriterebbero il cappio.
E’ una percezione un po’ strana quella di non “appartenere” (ed uso questo verbo in maniera appropriata) ad un datore di lavoro: non me n’ero reso conto prima. Finché mi durano i risparmi, mi godo la libertà e gongolo nella pigrizia :-)

1 Comment

Olimpieghiadi: Punto1

Come promesso, vi tengo informati sugli sviluppi lavorativi. Ho pure deciso di dare un titolo a tutta la faccenda (anche tag) e ho creato il fantastico gioco di parole ol-impieg-hiade. Quando vi sarete ripresi dallo shock ti tale genialità, potrete leggere il seguito

Punto 1 (anche step 1 ma eviterò il più possibile l’inglese visto che il post sarà zeppo di svedese)

Arbetsförmedlingen (L’ufficio di collocamento)

Prima di tutto, createvi un profilo su loro sito (arbetsformedlingen.se: disponibile in varie lingue ma non ahimè, l’italiano)

Poi cominciato ad inserire i vostri dati: dapprima nome cognome indirizzo ecc; poi passate alla sezione dove specificherete che tipo di lavoro cercate (re/regina non è disponibile, ho già controllato); infine inserirete il vostro passato scolastico (auguri con quello: l’Arbetsförmedling non prevede che voi abbiate frequentato un liceo linguistico e fatto lingue all”università. Tutto diventa Humaniora – materia umanistiche)  e lavorativo.

Una volta soddisfatti del risultato, dovrete uscire da casetta e recarvi di persona al suddetto Arbetsförmedling. Come verrete accolti qui dipende dalla città. A Karlstad si prende il numeretto e si aspetta una decina di minuti. A Malmö ti accolgono due o tre figuri che ti chiedono cosa devi fare e ti reindirizzano alla bisogna: se sei un verginello, ti mandano ai computer per farti fare quello che hai già fatto a casa, poi ti danno il famoso numeretto (e qui armati di pazienza; io ho aspettato due ore usate per leggere Orgeuil et Préjugés – sto rispolverando il mio francese). Giunta la tua ora (nel senso del numeretto), vai a colloquio con un addetto che ti aiuta in qualche maniera. Siccome io lavoro fino al 30 settembre ed ero lì solo per chiedere lumi sul sussidio di disoccupazione (un casino perché io lavoro in Danimarca ma percepirò il sussidio in Svezia), oggi non ho fatto esperienza diretta dell’aiuto. Anni fa, a Karlstad, tentarono di darmi lumi su cosa potessi cercare.

La mia avventura odierna si conclude qui.

 

[Continua]

 

5 Comments

Libertà

Dopo 6 anni e mezzo mi sono finalmente deciso a rassegnare le dimissioni dal mio attuale impiego.

Per la seconda volta mi ritroverò ad avere a che fare col mercato del lavoro svedese (basta Danimarca!). Vedrò di tenere aggiornato il blog con queste avventure.

 

Nel frattempo mi godo il senso di ritrovata libertà (anche se sarà al lavoro fino a fine settembre). Vediamo quando mi penderà il panico.

 

18 Comments

γάττοβί: mia faza, mia raza

Sottotitolo del post: Chi mme piglia pe’ frangesa, chi mme me piglia pe’ spagnola

E adesso mi scambiano pure per greco.

Sarà la barbona, sarà la pronuncia, sarà quel che sarà.
In fondo non mi dispiace passare per greco. Fra tutti i popoli mediterranei, dovendo scegliere, opterei per gli loro.

9 Comments