Archive for category giornali

Colpo grosso

Da La Repubblica, 02/01/2013:

Parigi, rapina di Capodanno all’Apple Store:
rubati iPad e iPhone per un milione di euro

Pare che le forze dell’ordine ancora non abbiano una traccia da seguire per ritrovare i 2 oggetti rubati

4 Comments

Pericoli

Da La Repubblica di oggi:

Più libri meno cellulari per salvare i nostri figli

e qualche articolo più sotto:

Il Papa su Twitter: l’account è @pontifex

Fate 2 + 2…

11 Comments

Dietro le quinte

Un articolo interessante le cui conclusioni si possono applicare anche ad altri paesi

3 Comments

Nel calderone

Facciamo un po’ di chiarezza sul caso Assange.
Assange è accusato di stupro. Sebbene la cosa non comporti l’arresto in Svezia, richiede la reperibilità.
Lui che fa? Fugge in UK. Questo sì che è reato. L’accusa di stupro è grave e deve essere accuratamente verificata. Il che non significa la condanna a priori dell’accusato. Ma come ogni persona accusata di qualcosa (la cui innocenza non viene messa in discussione fino a prova contraria), il presunto stupratore deve seguire la legge.

Invece lui, da mesi, non fa che spalare m***a (dall’estero) sulla magistratura svedese. Qualcuno prende le reazioni dei politici svedesi come “prova” che il sistema giuridico svedese è ingiusto, mettendo sullo stesso piano l’accusa di stupro e l’attività di Assange in Wikileaks. Le due cose sono ben distinte. Ciò di cui è accusato in Svezia è stupro. Che poi l’accusa sia falsa e montata ad arte non ha a che vedere con la giustizia svedese, bensì con trame ordite altrove. La gestione di Wikileaks non viene messa in discussione in questo frangente e non è collegata al reato che Assange *avrebbe* commesso in Svezia.

Sono un po’ stufo di vedere in giro chi non fa (non senza una certa dose di cattiva fede) distinzione fra le due cose e accusa la magistratura svedese di trame politiche (diaciamo che Assange non è estraneo a questo tipo di falsità)

6 Comments

Ratti e rotti

Oggi La Repubblica la fa da padrona.

Pubblica la foto di un ratto gigante, pare lungo un metro e rotti.

Ora, non metto in dubbio che il ratto in questione sia un bel topone, però guardando quella foto, c’è una cosa che non mi torna.

Notate le dimensioni della pala (o badile): se confrontata con le ginocchia del tizio in secondo piano, sembra una pala gigantesca.

Se invece si considera che la pala è messa in primissimo piano e dunque risulta *molto* ingrandita, allora il topone non è più così impressionante. Sembra così grande perché la prospettiva ne falsa la vera dimensione. E’ un trucchetto usato da tutti i turisti in PIazza dei Miracoli a Pisa (quelli che tengono in piedi la Torre di Pisa)

11 Comments

Dittature

La Repubblica ha scelto di mostrare un video che viene descritto come “La tv celebra il nuovo leader
In onda film su Kim Jong-un
“.

A parte il fatto che il video è un tagliuzzamento di non si sa cosa (è stato davvero mandato in onda dalla TV nord coreana o è un’accozzaglia di materiale di archivio? Le immagini non hanno una sequuenza logica e la voce della commentatrice viene piu volte tagliata), se sostituiamo la foto di Kim Jong Il con quella di un altro decrepito monarca assoluto morto a Roma nel 2005, si hanno le stesse scene di disperazione teatrale.

Non capisco se La Repubblica vuole essere polemica o semplicemente vuole mostrare un fatto.

Aggiornamento:
Sydsvensan mostra lo stesso video. Probabilmente si tratta di materiale editato da altri e ripreso dai 2 quotidiani. Copa&Incolla  insomma: non mi pare un grande esempio di giornalismo

Leave a comment

Dall’estero

Un articolo del Dagens Nyheter su di una nazione a caso (consiglio di non usare Google Translator, visto che traduce Landet som icke är come La terra che è, che è il significato opposto!)

2 Comments