Archive for category religione

Lascia

b16palpatine

 

L’imperatore lascia a fine mese.

E’ un peccato perché ha fatto più lui per la causa dell’ateismo che Angela, Dawkins e Hitchens assieme.

Un affettuoso saluto all’alleato di tante battaglie.
Adesso speriamo solo che non eleggano un moderato o, gli dei non vogliano, un progressista! Sai che noia per noi atei.

Advertisements

13 Comments

Parole, parole, parole

Messaggio Urbi et Orbi 2012: Benedetto XVI: “Pace in Siria”

Messaggio Urbi et Orbi 2011: “Dialogo in terra Santa, basta violenze in Siria”

Messaggio Urbi et Orbi 2010: “Leader italiani agiscano per bene comune”

Messaggio Urbi et Orbi 2009: “Natale ispiri concordia e solidarietà”

Messaggio Urbi et Orbi 2008: “Se vince l’egoismo, il mondo va in rovina”

Se ne fosse avverato uno! Tanti bla bla e parole al vento, ma un po’ di azione?  No, eh? E i giornali che pure riportano la “benedizione” come fosse qualcosa di importante che lascia il segno e che cambia per sempre il destino del mondo (“This changes everything”©).

Fossi in Ratzinger e rivedessi le mie parole negli ultimi anni, mi preoccuperei del fatto che il mio dio personale (quello che condanna le unioni same-sex ma benedice chi promuove leggi che prevedono la pena di morte per gli odiati omosessuali) non ne ha azzeccata una (e porta pure nu poco sfiga, mi pare).

2 Comments

Pericoli

Da La Repubblica di oggi:

Più libri meno cellulari per salvare i nostri figli

e qualche articolo più sotto:

Il Papa su Twitter: l’account è @pontifex

Fate 2 + 2…

11 Comments

Dialogo fra sordi

Ovvero un bel esempio di logica circolare

Leave a comment

Sul serio?

Dunque: in questi giorni il mondo occidentale festeggia un dio che ha sacrificato sé stesso a sé stesso per permettere a sé stesso di perdonare l’umanità per un peccato inventato da lui medesimo.

Ci sarebbe da ridere se in così tanti non prendessero per vera  ‘sta stupidaggine.

5 Comments

Religione

Bah! Ci sarei arrivato anche da solo all’omicidio (Golia – 1 Samuel 17), al genocidio (Battaglia di Gerico – Joshua 6:1-27), all’incesto (figlie di Lot – Genesi 19:30-38). Non serviva inculcarmi una religione, per questo.

2 Comments

Una croce sopra

Il crocifisso è appeso ovunque perché è, secondo i cattolici, un simbolo universale di amore.

Se è così universale, com’è che più di tre quarti della popolazione mondiale non lo considera un simbolo di amore? (ci torno su dopo)

Se proprio vogliono mettere un simbolo universale di amore, perché non appendere un bel cazzo (che piace notoriamente a tutti ;-) o una bella figa (che piace ad alcuni)? Questi sì sono simboli universali (beh, diciamo di una parte del mondo animale ‘ché la riproduzione sessuata non è l’unico mezzo per continuare le specie e ancora non siamo entrati in contatto con razze aliene – chissà che sorprese) riconosciuti da qualsiasi essere umano (tranne qualche idiota rinchiuso in Vaticano).
Eppure appendere questi 2 simboli in una classe o in un tribunale scatenerebbe una tifone di indignazione e scandalo.
Tanto per non nominare la coda di paglia dei cattolici.

Quanto al crocefisso come emblema di amore, ogni volta che ne vedo uno (crocifissi, non amore) non posso non pensare alle generazioni e generazioni cresciute all’ombra di questo simbolo di oppressione e oscurantismo. Miliardi di esseri umani nel corso dei secoli, costretti a subire malversazioni e soprusi.
E non mi riferisco *soltanto* alla Inquisizione o alla conquista spagnola del sudamerica. Parlo della repressione delle coscienze, della violenza psicologica, del sistematico lavaggio del cervello perpetrati in 18 secoli di dominanza cattolica.
Dove sta l’amore universale nell’odio instillato a livello subcosciente (ebrei, non cattolici, diversi in generale), nella paura della punizione divina, nell’oppressione della diversità di pensiero se non concorde con quello del Vaticano?

Non posso (e non voglio) separare il crocifisso da tutto questo. Non posso (e non voglio) addormentare la mia coscienza. Non posso (e non voglio) vedere quello che non c’è dietro ad un simbolo totalmente costruito visto che i primi cristiani non lo avevano (si venerava un pesce, infatti. La croce venne 2 secoli dopo – giusto a riprova che il cristianesimo è una religione costruita a tavolino).

3 Comments