Dietro le quinte

Un articolo interessante le cui conclusioni si possono applicare anche ad altri paesi

  1. #1 by Locomotiva on 11 November 2012 - 14:07

    non mi dispiace il ragionamento: forse è una cosa che da noi è stata attuata al contrario, ma potrebbe trasformarsi anche da noi.

    Ovvero, se ho capito giusto, qui c’è una televisione e una serie di networks USA che vivono, vendono, fanno soldi ed ascolti pompando sull’ ‘happy meal conservatorism‘ – sul lato razzista, sull’egoismo, la difesa ad oltranza, condito di tea parties e di bible-thumping.

    Mandando sostanza in vacca il Partito Repubblicano che non può fare il partito Repubblicano (cioè quello che in Europa chiamiamo popolari/conservatori/moderati) ma deve diventare una pantomina di questa frangia estrema, se no in televisione viene massacrato dai suoi stessi ‘sostenitori’ televisivi.
    E alla fine le prende, il Partito repubblicano, perchè spaventa il famigerato ceto medio.

    QUi in Italia potrebbe succedere lo stesso?
    Da una parte, abbiamo avuto 18 anni in cui, per ordine del Padrone/Partito, le televisioni nazionali sono diventati sempre più virati a destra, pompando paure e isterismi.
    Ma li era il Partito/Padrone che voleva creare il clima per arraffare i voti.
    A costo di perdere ascolti, a tutti i costi, la TV era strumento.

    Adesso il Padrone non c’è più, non c’è più di testa: una uscita come ‘non tirerò fuori dal cappello un coniglio, ma un dinosauro‘ vuol dire aver perso il contatto con la realtà dove la parola chiave è ‘Rottamare’.
    Un dinosauro che promette un dinosauro: ussignùr, che genialata…

    Dicevo: morto il Padrone/partito, può la televisione ansiogena riciclarsi?
    Riesce a rottamare i vecchi scafandri con l’occhio pallato e sostituirli con dei moderati?
    O le Vecchie Glorie riusciranno a restare lì, inchiodati a diffondere paura a prescindere, senza più un committente che vuole quella paura?
    Solo perché Le Cariatidi Del Disastro fanno audience con quel formato terroristico?

    In quel caso, siamo nella palta: che se una destra è autosputtanata perché appiattato su un programma da ‘leghista di Caronno Pertusella’, oppure insultato in TV perché non abbastanza ‘di destra’, manca una gamba alla democrazia.
    Già abbiamo una sinistra soda come un frappè, ma se anche la destra si spappola, chi controlla chi? Chi si oppone a chi?
    Soprattutto: chi ci governa?
    Grillo? Monti? Il Mago Zurlì? Briatore? Chiamiamo i Caschi Blu?

    O come io dico da tempo, ci facciamo invadere dalla Svizzera?

    • #2 by gattovi on 11 November 2012 - 19:42

      Io mi riferivo più a libelli propagandisti come il Giornale o esimii pensatori come Ferrara: il loro scopo è creare lo scontro a tutti i costi perché questo assicura la loro sopravvivenza. Estremizzare le idee mette al sicuro le loro rendite: più gridano e si dimenano, più incassano lettori. Soluzioni basate sulle mediazioni non sono nel loro interesse perché già proposte da altri.

      • #3 by Locomotiva on 12 November 2012 - 20:33

        Appunto: ma una volta Ferrara o il Giornale facevano parte di una strategia più alta.
        La guerra era voluta.
        Adesso semplicemente vivono per se stessi, su se stessi.
        La guerra per la guerra…

Leave a Reply

Please log in using one of these methods to post your comment:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: