Bravate

Ho una teoria tutta mia legata al naufragio della Costa Concordia. Prendetela con le pinze ‘ché, stavolta, potrei anche sbagliarmi.

Io mi chiedo come abbia fatto una nave dal valore di svariati centinaia di milioni di euro, a finire così fuori rotta senza che nessuno dicesse niente. Non si tratta della nave di Pirates of the Caribbean, col timone e l’omino dietro di esso a virare a bordo o babordo.
Un ponte di comando moderno è più o meno così:

Come sugli aerei, la navigazione è affidata alla strumentazione per evitare l’errore umano. La rotta impostata è controllata al millimetro dalle rilevazioni GPS e il computer di bordo provvede a mantenerla. Una variazione anche minimale dovrebbe far scattare una milionata di allarmi a bordo e nel quartier generale dell’armatore e della Guardia Costiera.

Invece pare che la cosa sia stata scoperta solo dopo l’urto sugli scogli, quando l’allarme collisione era già scattato. A me pare alquanto sospetto. Sospetto perché la Costa Crociere dovrebbe aver sì come priorità la sicurezza dei passeggeri, ma soprattutto dovrebbe tenere alle proprie navi, il cui costo è esorbitante. Viaggio dopo viaggio, le navi della Costa si avvicinavano all’Isola del Giglio uscendo dalla rotta programmata. Possibile che nessuno abbia mai fiatato?

Secondo me, un po’ (molto) di coda di paglia ce l’hanno. A mio avviso la faccenda era tollerata (se non addirittura benedetta) dall’armatore che offriva così uno spettacolo extra ai passeggeri.

Ecco però che quando succede il disastro (se c’è una rotta impostata e controllata dal computer, un motivo ci sarà) subito si scarica tutta la responsabilità sul capitano che, tanto per buttare benzina sul fuoco, lascia la nave ignorando il suo dovere.

Non è niente di nuovo: chiunque abbia un lavoro dipendente, sa che le aziende ricercano i cani sciolti, quelli che piegano o ignorano le regole. L’importante è portare a casa il risultato. Finché tutto va bene, l’azienda chiude uno, due, tre occhi. E quando il disastro accade (perché la fortuna è cieca, ma la sfiga ci vede benissimo) allora son tutti pronti a fare a gara su chi usa il calibro più grosso sul suddetto cane sciolto.

In questo caso, la bravata è costata la vita ad almeno 15 persone. Ne è valsa la pena?

  1. #1 by Bad Grass on 30 January 2012 - 22:10

    Sono perfettamente d’accordo con te. Non mi è affatto piaciuto il fatto che la Costa si sia subito dichiarata parte lesa, come se Schettino fosse stato un consulente esterno. Inoltre, non mi pare che si parli delle responsabilità di chi, quel coniglio, l’ha messo la comandare una nave. In teoria dovrebbe essere un lavoro per persone di provate capacità…

  2. #2 by Alex_Vr on 30 January 2012 - 14:45

    Non equivochiamo tra “eroe” e “dovere”: che il capitano abbandoni per ultimo la nave non è un atto di eroismo, ma un suo preciso compito per cui viene profumatamente pagato. Non esiste che abbandoni per ultimo la nave: se lo fa deve pure restituire i soldi percepiti, perché è per questo tipo di responsabilità che li riceveva!

    • #3 by gattovi on 30 January 2012 - 15:15

      Ma non c’è una qualche legge marinara chge prevede che il capitano sia gettato agli squali, in occasioni del genere?

  3. #4 by John Fitzgerald on 29 January 2012 - 11:29

    ciao
    è uscito fuori che la costa crociere (come qualsiasi altra compagnia) in caso di abbandono nave deve pagare più di 10 mila euro a passeggero (con + di 3 mila passeggeri fanno quasi 40 milioni) quindi sono stati loro a temporeggiare (per evitare di pagare così sull’unghia tutti quei soldi)
    quanto all’inchino: era una prassi come dimostrano le verie foto in giro per la rete. Una prassi pericolosa ma accettata.
    Quanto al capitano Schettino, che tutti denigrano allegramente come il peggiore rifiuto della specie umana c’è da dire che se è stato messo al comando di un mezzo da 500 milioni di euro e con 4000 persone a bordo, probabilmente proprio un cogl***e non lo era, no?
    Ha sbagliato ad abbandonare la nave subito, ma, parliamoci chiaro, al giorno d’oggi eroi ce ne sono pochi. Inoltre portare la nave in quel luogo per evitare l’affondamento è stata una scelta oculata. Evacuare 4000 persone da una nave semi affondata con un numero di morti non elevatissimo non è un’azione da sottovalutare.
    saluti
    jfk

    • #5 by gattovi on 29 January 2012 - 13:08

      Sul comandante non ho una opinione ben precisa. Non so però se sia stato un atto volontario quello di portare la nave sugli scogli per non farla affondare. In fondo è affondata perché ha urtato gli scogli, causa non conseguenza.

      E il fatto che fosse al comando non lo qualifica automaticamente come adatto a quella posizione. Può benissimo essere che la fortuna lo avesse assistito fino a quella sera.
      Ma le mie sono solo congetture e aspetterei la fine delle indagini (se mai ci sarà) per giudicare.

  4. #6 by Alex on 27 January 2012 - 21:55

    Qua manca un post sul vice ministro Martone!
    ARGH, in tali momenti mi sovviene perché sono emigrata.
    Buon week-end

    • #7 by gattovi on 28 January 2012 - 09:26

      Ho letto qualche titolo qua e là ma in realtà non so molto della faccenda.
      Da quello che ho visto comunque, rinnovo la mia diffidenza verso il governo Monti

  5. #8 by Alex on 27 January 2012 - 08:27

    Sì, proprio così, Gatto, me l’ha confermato mia madre che ha viaggiato spesso con Costa crociere.
    Lo spettacolino questa volta è costato diverse vite umane.
    Che schifo….

  6. #9 by Alex_Vr on 25 January 2012 - 21:02

    La Costa Crociere è una banda notoria di delinquenti come quasi tutte le grandi aziende in Italia, a ciò aggiungici un vile, codardo, irresponsabile che dopo aver combinato il guaio scappa (ovvero un italiano medio) e la disgrazia è inevitabile…
    Anche oggi, come vedi sono di ottimo umore…
    ;-)

  7. #10 by Morgaine le Fée on 25 January 2012 - 15:43

    sono completamente d’accordo con te.
    Anch’io mi ero posta gli stessi dubbi.

Leave a Reply

Please log in using one of these methods to post your comment:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: