Al nord

Proseguendo nella rincorsa verso il polo, stavolta sono stato 300 km a nord del circolo polare artico, nei paesaggi della Norvegia.

Il viaggio è iniziato con un volo Copenhagen-Oslo e Oslo-Bodø. Da lì, in macchina fino a Narvik e poi Tromsø, passando per le Lofoten. Da Tromsø verso casa con un volo fino ad Oslo e Copenhagen.
Il tutto suddiviso in 6 giorni.

Da quella parti non bisogna avere fretta: complici i fiordi, per fare qualche chilometro ci si impiega uneternità. Ed i limiti di velocità non aiutano: il sottoscritto ha pensato bene di "elargire" 2900 NOK (= 3401SEK  = 360 EUR) per aver guidato a 62kmh in una zona a 50kmh (in mezzo al nulla). Lo stato sta comunque investendo una cospicua parte dei soldi provenineti dal petrolio nella costruzione di tunnel (na miriade!) e ponti (tutti uguali).

I paesaggi sono impressionanti: Bodø è la città che ha il panorama migliore a mio avviso, nostante Narvik abbia una teleferica che ti porta in qualche minuto sulla collina che domina la città, a 600 m di altezza. Se, come me, soffrite di vertigini, vi consiglio di lasciar perdere: il dannato aggeggio si ferma un paio di volte e comincia ad ondeggiare paurosamente: sui sedili ci sono adesso le impronte delle mie unghie.
Tromsø: la più grande città sopra il circolo polare artico ed incredibilmente piena di turisti. La sera del nostro arrivo cera un festival rock con la presenza di Kent, fra gli altri.

Inutile precisare che lesperienza del sole a mezzanotte (*) (e alluna, alle due, alle tre, alle quattro… il sole davvero non tramonta mai; non cè penombra: cè il sole!) è davvero impressionante. Al ritorno a casa, mi ero già dimenticato cosa fosse la notte.

Già che cero, mi sono documentato un pochetto sulle Svalbard. La vita si svolge necessariamente attorno alle miniere ma il turismo sta crescendo. Nella "capitale", Longyearbyen, ci sono un paio di hotel, una biblioteca, pronto soccorso. Volendo ci sarebbe la possibilità di… Un pensierino ce lo sto facendo visto che in sti giorni ci sono 25-27 gradi qua a Malmö ed a Tromsø si sudava con 23 gradi! Sorry ma non tollero il caldo.

Nota sulla lingua: in Norvegia, fuori da Oslo e da altre città maggiori sulla costa occidentale, si parla Nynorsk  (o meglio: dialetti su cui il Nynorsk è basato) e non Bokmål. La differenza fra le due è fondamentalmente la scelta di parole (più danese nel Bokmål, più "scandinavo" nel Nynorsk) e nella melodia (un fastidioso accento ogni terza sillaba in Bokmål che fa sembrare la lingua come un tòttototòttototòttototòttototòttoto continuo; laccento è più libero in Nynorsk). Ciò significa che lo svedese è ancora più comprensibile per le orecchie locali ed in 6 giorni io ho usato solo quello, capendo perfettamente le risposte. Una scena comica che si ripeteva ad ogni cambio di albergo (3 in totale): il/la recepionist vedeva il passaporto italiano e mi parlava in inglese, al che io rispondevo in svedese e mi godevo la faccia del malcapitato/a che non capiva bene la situazione ;-)

Per finire, due fotografie che riassumono il viaggio.
La prima mostra la vastità dei paesaggi norvegesi (in realtà mi ricordava molto la situazione delle Alpi vicino a casa dei miei a Vicenza; potrebbe benissimo essere una foto presa nei dintorni di Asiago ;-) ):

paesaggio

La seconda foto, battezzata "le mucche Bregott" mostra alcuni indigeni: era impressionante vederli correre (mai visto mucche – o vitelli – correre così) su e giù per i dirupi;: sembravano più capre di montagna. E poi erano veramente incuriositi da noi: ogni tanto ci muggivano come a chiedere: "chi siete, che volete?".

Bregott

nota: (*) "sotto il sol di mezzanote stan le aringhe strette a frotte": è il testo di un indovinello che Paperino & C devono risolvere in una delle loro storie: si trattava di Anchorage ma sopra il circolo polare artico, va bene per tutto ;-)

<!– –>

  1. #1 by raccoss on 6 August 2008 - 17:04

    Sono alla ricerca dell’ultima puntata della caccia al tesoro di Paperino!

  2. #2 by Markus80rn on 31 July 2008 - 00:23

    Cavoli, dev’essere una cosa da favola…spero di riuscire a fare una breve gita mentre starò a Uppsala (settembre-novembre). Ciao!

  3. #3 by gattosolitario on 28 July 2008 - 22:23

    Ecco, questo é un viaggio che mi devo fare!

  4. #4 by Alex_Vr on 27 July 2008 - 18:16

    uh che meraviglia, voglio vedere anche le altre 2 foto che hai fatto…;-)

  5. #5 by GattoVI on 27 July 2008 - 13:40

    mumita: scusa già adesso quello che sto per dire.Forse ti ho fatto riaf-fjord-are i ricordi. HA HA HA

  6. #6 by mumita on 27 July 2008 - 12:40

    Gatto grazie per aver fatto riaffiorare in me ricordi meravigliosi di un viaggio molto simile fatto nel 2005…Ah, la Norvegia paesaggisticamente è troppo bella!!

Leave a Reply

Please log in using one of these methods to post your comment:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: