Tutto il mondo è paese

Non penso abbiate alcun dubbio sul fatto che io sia un entusiasta della Svezia: non posso che parlare bene del mio paese di adozione.

Eppure ci sono delle cose che ogni tanto mi lasciano perplesso.

Leggo oggi sul giornale che uno stoccolmese (=abitante di Stoccolma)  trasferitosi nello Skåne (la regione più a sud della Svezia, quella in cui cè Malmö) si è visto rifiutare un posto di lavoro a causa del suo dialetto. La giustificazione è che nello Skåne vedono di malocchio il dialetto della capitale.

Il garante contro le discriminazioni non  può intervenire perché gli stoccolmesi non sono una minoranza discriminata.

La cosa mi lascia alquanto perplesso e mi ricorda certe scene a viste in Italia. Che lo Skåne sia una brutta bestia è chiaro in tutto il paese: lunificazione la Svezia, avvenuta nel 1658, non è mai stata digerita e la bandiera regionale (croce gialla su sfondo rosso) si vede di frequente sventolare sui tetti e sui balconi. Che poi tutti in realtà sappiano che si sta meglio sotto la Svezia che non sotto la Danimarca è un altro discorso: limportante è guardare ai "tempi doro" che non sono mai esistiti. Anche qui si sprecano i parallelismi col nord dello stivale.

<!– –>

  1. #1 by VolpeIndomita on 30 March 2007 - 00:37

    Sì, Gatto, ed è stato l’inizio del mio anno di pendolarismo… un’esperienza devastante. Più che ridere, comunque, ero abbastanza shockata dalla domanda…

  2. #2 by GattoVI on 29 March 2007 - 19:29

    VolpeIndomita: immagino le risate che ti sarai fatta :-/Hai avuto il lavoro, almeno?

  3. #3 by VolpeIndomita on 29 March 2007 - 17:17

    A me al primo colloquio di lavoro della mia vita è successo questo:Futuro Capo “Lei dove è nata?”Volpe: “A Varese”Futuro Capo “E suo padre e sua madre dove sono nati?”Volpe “Mia madre è nata a Varese, mio padre in Val d’Aosta ma è cresciuto a Brescia.”Futuro Capo “Bene, possiamo continuare”.Esaltante, no?

  4. #4 by GattoVI on 29 March 2007 - 17:04

    Rinkeby, Tensta o Skärholmen?

  5. #5 by mumita on 29 March 2007 - 16:59

    Gatto:il nome del quartiere proprio non me lo ricordo ma so che era a Stoccolma. In realtà non è che eri “obbligato” ad andare a vivere in quel quartiere ma di fatto ti affittavano casa solo in quella zona, quindi la differenza diventava lieve. Hanne mi diceva che ciò accadeva nel quartiere degli immigrati di vecchia generazione: a tutti coloro che non erano nati in svezia, il Comune di Stoccoma “suggeriva” la locazione più confacente.Questo accadeva ancora nel 1999, quando ho conosciuto questa ragazza, non so se ora sia diverso.

  6. #6 by GattoVI on 29 March 2007 - 14:10

    mumita: chi glielo aveva stabilito questo quartiere? Mi pare strano che non potessero uscirne.

  7. #7 by mumita on 29 March 2007 - 13:06

    In effetti di parallelismi ce ne sono parecchi. Però non mi stupisco di questo atteggiamento: un’amica svedese, di origine pakistana, ma nata e cresciuta in Svezia mi diceva come i suoi genitori fossero discriminati (al contrario di lei che era nata in svezia) e che non potevano comprarsi casa al di fuori del quartiere che lo stato aveva stabilito per loro. Invece il mio amico è fortunato:mamma di Stoccolma, babbo di Malmo!

  8. #8 by raccoss on 28 March 2007 - 10:04

    Si stava meglio quando si stava peggio!

  9. #9 by gattopesce on 28 March 2007 - 00:03

    distimico: ma in italia non siamo ancora usciti dalla fase delle città-stato medievali…

  10. #10 by GattoVI on 27 March 2007 - 22:20

    distimico: non è proprio moscia (tipo Agnelli). E’ una roba che parte dalla gola, tipo catarro. Cmq ieri su un giornale ho visto una pubblicità che diceva: “du haur baura itt hued” per imitare la pronuncia dello skånska (cfr. svedese: “du har bara ett hud” ;-) )Alex_Vr: si sa che il silenzio è d’oro :-)

  11. #11 by Alex_Vr on 27 March 2007 - 20:56

    tra un po’ verranno accettati al lavoro solo quelli che non parlano affatto…;-)

  12. #12 by distimico on 27 March 2007 - 20:40

    In effetti l’altro giorno su un CD di pronuncia svedese ho avuto modo di sentire le differenze fra lo “skånese” e lo “stoccolmese”. In Svezia meridionale hanno la erre moscia e dicono le “i” in modo molto gutturale. Certo, questo non è un buon motivo per discriminare la gente, sennò a quest’ora in Italia eravamo ancora alle Città-Stato medievali!

  13. #13 by gattosolitario on 27 March 2007 - 16:41

    Io l’avevo letto su “thelocal.se” :D

  14. #14 by diablera on 27 March 2007 - 13:12

    Poi un giorno mi piacerebbe sapere come ci sei finito fin lassù :)

  15. #15 by GattoVI on 27 March 2007 - 12:52

    gattosolitario: autorevoli fonti quali Metro, .SE e City dicono che la faccenda è legata al dialetto. Poi ogni scusa è buona per dare contro alle altre zone ;-)

  16. #16 by gattosolitario on 27 March 2007 - 11:49

    So bene di queste storie sullo Skåne. C’è anche da dire però che il giornale diceva che gli Stoccolmesi sono visti come lavoratori troppo “indefessi” e che amano mettere in mostra le proprie qualità (ed è tutto dire visto che più di 8 ore al giorno non si lavora), mentre al sud preferiscono che si mantenga un “basso profilo”. Almeno così ricordo che era l’articolo!

  17. #17 by gattopesce on 27 March 2007 - 11:31

    paese che vai, leghisti che trovi

Leave a Reply

Please log in using one of these methods to post your comment:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: