Colossi di argilla

Posso dire una cosa brutta?

Che Telecom Italia sia scorporata e venduta a stranieri non può che riempirmi di gioia.

Non vedo tutto questo scandalo se unazienda così importante finisce in mani non italiane. Dal mio modesto punto di vista, si tratterebbe di un miglioramento non indifferente vista la scarsa qualità dei servizi, dei costi astronomici e della struttura pericolante dellazienda.

Non capisco davvero tutto questo levarsi di proteste quando gli stranieri tentano di fare lingresso nelle aziende italiane. Considerando che:

  1. i costi per la maggior parte dei servizi (elettricità, telefonia, banche) sono molto al di sopra della media europea
  2. lItalia fa parte dellUnione Europea e si è dotata di un mercato (relativamente) libero

mi pare di capire che linteresse a tenere in mani italiane le grandi aziende/industrie sia da ricercarsi piuttosto nellaffarismo di stampo mafioso, fatto di aumma-aumma, fatto di "una mano lava laltra", fatto di clientelismi, fatto di pressioni politiche, fatto di nepotismi.

Ben venga del sangue nuovo, sperando che sia in grado di far cambiare le cattive vecchie abitudini italiane. Il mio  incubo è che, invece, anche gli stranieri si facciano presto prendere dentro al malefico meccanismo, vanificando i vantaggi dello svecchiamento e della nuova mentalità.

<!– –>

  1. #1 by gattosolitario on 19 September 2006 - 17:24

    Ovviamente anche gli stranieri sono interessati ad entrare in Italia, ma per sfruttare il sistemo clientelistico e di monopolio che c’è lì. Mica sono scemi? Così come con le banche… mi farebbe piacere, ma dubito che possano immettere in Italia il sistema equilibrato e senza spese come c’è in molti paesi esteri.

  2. #2 by mumita on 14 September 2006 - 15:21

    Purtroppo il sistema italiano è marcio fino al midollo e per combattere questa malattia non ci sono stranieri che tengano.Anni fa, ad un corso di specializzazione, conobbi il direttore marketing di una grossa azienda italiana; lei era Danese (il direttore era donna, strano ma vero!)ed aveva avuto esperienze in vari paesi europei prima di approdare da noi. Abita oramai in Italia da 20 anni e a detta sua, una volta ottenuto il posto di direttore, si è dovuta “adattare”, pur non accettandolo, al sistema nostrano, fatto di nepotismi e clientelismi vari, oltre che di interferenze politiche della parte di turno, altrimenti avrebbe perso il posto. Mi disse che la situazione rispetto al passato era peggiorata.So che si è licenziata ed è tornata a Copenaghen a lavorare per una grossa azienda danese sempre come direttrice marketing…..Sarà un caso?

  3. #3 by Alex_Vr on 14 September 2006 - 14:33

    Sono d’accordo, anzi d’accordissimo… l’unica cosa è che questo è un difetto non solo italiano, ma anche francese (che hanno bloccato acquirenti italiani di non mi ricordo quale azienda d’Oltralpe… o forse li hanno bloccati proprio perché italiani?).;-)

  4. #4 by GattoVI on 14 September 2006 - 10:40

    Leggo costantemente quello che dice Grillo. Proprio per questo voglio gli stranieri in Italia. E voglio nuove regole.Guarda appunto i “grandi gruppi italiani” (autostrade, per esempio): non sono gestiti meglio! Gli utili vengono distribuiti agli azionisti invece di essere usati per ripianare i debiti. Al solito: incamerare gli utili e socializzare i debiti.

  5. #5 by samuelesiani on 14 September 2006 - 10:36

    benvengano gli stranieri che – Fazio insegna – sono spesso bloccati dall’entrare nel mercato italiano. La questione Telecom (o Autostrade) è però un’altra: sono aziende fino a ieri statali, costruite quindi coi soldi nostri e che a causa dell’operato di manager incapaci vengono ora svendute. E questo non va bene. No no. Leggi il blog di Grillo e la nuova azione che vuole intraprendere. Quanto ai mercati bloccati, ti consiglio “Monopoli” di Giovanni Floris. So che non ti è comodo passare alla feltrinelli!, ma se proprio ti interessasse te lo potrei inviare – gratis – via posta (vedi che non scherzo). te lo leggi e poi me lo ri-spedisci.Ciao ciao

Leave a Reply

Please log in using one of these methods to post your comment:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: