La maestrina dalla penna rossa

(e pensare che il libro Cuore non mi è mai piaciuto!)

A girare per i blog italiani, a volte mi vengono dei veri e propri coccoloni per come alcuni post sono scritti.
Non parlo di contenuti (ognuno è libero di scrivere ciò che gli pare e piace): mi riferisco allortografia, quella che tutti noi impariamo (o abbiamo imparato: non so con la riforma Moratti) alle elementari.

So che i bravi lettori di questo blog non fanno errori di sorta (vi sentite un po umidi dopo questa leccata, eh? ;-) ) ma ho pensato di fare un brevissimo prontuario per chi capitasse qui per caso.

Sì, *a me mi* piace fare il saputello ;-)

 


 

Articoli
Determinativo
in italiano abbiamo 3 articoli determinativi per il singolare (il, lo, la) e i 3 corrispondenti per il plurale (i, gli, le).
Le parole che iniziano con  ps  e  pn  vogliono   lo  come articolo: lo pneumatico!

Indeterminativo
un, uno, una.
litaliano presenta già due varianti per il maschile. Esiste un: perché allora troncare uno in  un  davanti a termine maschile che inizia per vocale????
Un  è  una  con la vocale finale troncata.
Quindi: un attore, unamaca

Verbi
Accenti e apostrofi:
Ci sono solo due verbi che richiedono laccento e sono  dare  ed  essere  e solo alla terza persona singolare presente.
Per cui egli e lalbero è verde!
Basta!  ha, fa, sa, va  si scrivono senza accento! Con cosa li vorreste confondere????
Già che ho parlato di  dare, la forma corretta del congiuntivo passato  è  desse
La seconda persona singolare imperativa di  daredire, fare, andare  è  da, di, fa, va

Il verbo avere, si coniuga così
io ho
tu hai
egli ha
noi abbiamo
voi avete
essi hanno
Molti dimenticano lh  che sarà pure muta ma ha una sua funzione.

plurali di -cia e -gia
Al plurale, le parole che finiscono in  –cia  e  –gia  perdono la  i  se questa è preceduta da 2 consonanti:
provincia – province (qualcuno lo vuole spiegare alla Ca.ri.P.Lo.?)
pelliccia – pellicce
coscia – cosce
striscia – strisce
reggia – regge
ma
camicia – camicie (consonante singola)

 

Varie

"né luno né laltro": il   né… né  si scrive con laccento (acuto!) per non confonderlo con il  ne  pronome ("ne ho le palle piene")

  affermazione si scrive con laccento (grave!) per non confonderlo con  si  pronome riflessivo ("egli si lava")

  e   (avverbi di luogo) si scrivono con le vocali accentate per distinguerli dai pronomi  lali  ("Li ho visti ")

a lui, quando il pronome è atono e si "attacca" al verbo, si scrive  gli  ("Compragli", "spiegagli"). Gli si può usare anche con il plurale

Le parole che finiscono in  -zione  hanno una  z  sola!

 Po si scrive con lapostrofo: è poco con la caduta della sillaba finale

 


Ogni aggiunta è benvenuta 


 

Alex_vr:
"è", terza persona sing. dellindicativo presente del verbo essere, vuole laccento grave
E invece "perché", "giacché", "affinché" vogliono quello acuto
"" si scrive con laccento solo se non è accompagnato da "stesso" e solo se è pronome riflessivo di terza persona

rago:
Qual è senza apostrofo, se ricordo bene perche non e unelisione, ma un a caduta di vocale (troncamento)
lei, lui sono da usare cose complemento oggetto e con le preposizioni

gattopesce:
anche il verbo stare al congiuntivo segue la coniugazione di dare:
che io stessi
che tu stessi
che egli stesse

con la congiunzione se usata in un periodo ipotetico non si usa mai il condizionale ma sempre il congiuntivo:
ossia si dice "se avessi fatto così" e non *"se avresti fatto così"
La mia maestra delle elementari ripeteva sempre: su qui e su qua laccento non ci va

leppie:
giorni e mesi vanno scritti con la minuscola: Oggi è venerdì 18 novembre

 

 

<!– –>

  1. #1 by GattoVI on 21 November 2005 - 10:36

    gattopesce: però se mi spedisci mezzo chilo di uranio arricchito e 2 euro per le spese, ti costruisco una bella testata nucleare :-)

  2. #2 by gattopesce on 21 November 2005 - 10:23

    e io che stavo per spedirti un blocco di cemento per sentire cosa ne pensavi, mannaggia! :(

  3. #3 by GattoVI on 20 November 2005 - 19:24

    moscanera: Nono, per carità! Adesso non è che perché uno sa distinguere una bacinella d’acqua da un blocco di cemento mi diventa fisico nucleare :-)Lascio volentieri questo lavoro agli esperti :-)

  4. #4 by moscanera on 20 November 2005 - 19:15

    Sono estasiata…e non ho letto ancora tutto..che ne dici spaccamaroni se ti invio le verifiche di grammatica da correggere???

  5. #5 by GattoVI on 18 November 2005 - 15:13

    Ha ha haE’ il mio blog: scrivo gli accenti giusti ;-)

  6. #6 by utente anonimo on 18 November 2005 - 15:09

    Hai scritto venerdì, vergogna!Leppie

  7. #7 by GattoVI on 18 November 2005 - 14:50

    leppie: di che parli?

  8. #8 by utente anonimo on 18 November 2005 - 14:46

    Pensi che non me ne sia accorto?:-Pleppie

  9. #9 by utente anonimo on 18 November 2005 - 12:04

    Ah… giorni e mesi vanno scritti con la minuscola…Oggi è venerdí 18 novembre.Leppie

  10. #10 by gattopesce on 17 November 2005 - 17:07

    il plurale di gas? semplice: asfissia :-)

  11. #11 by GattoVI on 17 November 2005 - 16:57

    leppie: quei plurali latini mi lasciano sempre il dubbio, in effetti.Di solito mi regolo a seconda della persona con cui sto parlando.

  12. #12 by GattoVI on 17 November 2005 - 16:55

    Uh, gattopesce! Non sai che diatriba ho avuto io col professore di aramaico qui sotto proprio per quel motivo!!!!Quella è una regola d’oro, soprattutto perché io non sono tenuto a conoscere le regole di formazione del plurale di una lingua straniera, e comunque sarebbe insulso usarle in italiano che ha delle sue regole per formare il plurale.Ma c’è chi obbietta/obietta…

  13. #13 by utente anonimo on 17 November 2005 - 16:54

    i referendum e curriculum e non i referenda e curricula…Nel caso qualcuno fosse particolarmente insistente, chiedetegli il plurale di gas…Leppie

  14. #14 by gattopesce on 17 November 2005 - 16:44

    a proposito di parole straniere, mi è venuta in mente un’altra regola della grammatica italiana, sempre più disattesa nell’uso comune:le parole straniere importate nell’italiano diventano indeclinabili, ossia al plurale rimangono uguali al singolare: i computer e non computers, i file e non i files e così via.

  15. #15 by Alex_Vr on 17 November 2005 - 16:40

    sai che ne sarei capace… ;-)

  16. #16 by GattoVI on 17 November 2005 - 16:37

    Solo se la lezione la fai in medio aramaico ;-)

  17. #17 by Alex_Vr on 17 November 2005 - 16:18

    Se volete vi faccio una lezione sull’uso dell’accento grave e acuto in greco…;-)

  18. #18 by GattoVI on 17 November 2005 - 14:30

    gattopesce: la conosco la differenza fra ò e ó ma in finale di parola, dove si indica l’accento, non ha senso proprio perchè l’accento grafico indica la sillaba in rilievo, in quel caso.

  19. #19 by utente anonimo on 17 November 2005 - 14:14

    gattopesce, ma non ci sono parole italiane (non straniere) che terminino per ó. Leppie

  20. #20 by utente anonimo on 17 November 2005 - 14:12

    Sugli accenti: ad esempio perché è gradevole esteticamente… Su -nce, certo, è una regola basata su una semplificazione, visto che la stragrande maggioranza delle parole la seguivano.Che non vuol dire che alla Ca.Ri.P.Lo siano o fossero ignoranti. Cosí era stata fondata e cosí è giusto che si chiami. O preferisci la dittatura dell’ortografia sulla tradizione?

  21. #21 by gattopesce on 17 November 2005 - 14:12

    ehm, gatto, c’è differenza di suono anche tra ò e ó (la prima è aperta, la seconda chiusa, faccio un esempio in veneto: òstia, óseo)

  22. #22 by GattoVI on 17 November 2005 - 13:02

    Leppie: -ncia -nce non è solo mnemonico: è pure la regola. E, sinceramente, non vedo il motivo per usare l’accento acuto su vocali (in fine di parola) che non siano la e visto che sfido chiunque a distinguere una ì da una í. Al di fuori della vocale e l’accento è solo un espediente per mettere in rielievo una sillaba (l’accento, appunto).

  23. #23 by utente anonimo on 17 November 2005 - 12:00

    Mh.. su i e su u sono uno snob enaudiano (nel senso di editore), mi piacciono con l’accento acuto:sí e laggiú Sulla cariplo: la regoletta delle due consonanti è solo mnemonica. La forma in -i è altrettanto corretta, o perlomeno lo era ai tempi della fondazione.

  24. #24 by GattoVI on 17 November 2005 - 10:48

    gattopesce: questa affermazione mette in serio pericolo la tua vita; controlla che il tuo postino non si chiami Cinzia ;-)

  25. #25 by gattopesce on 17 November 2005 - 10:43

    Rat-Man morirà, invece, mangiato da Cat-Man burp! (scusate)

  26. #26 by GattoVI on 17 November 2005 - 10:19

    raccoss: Non mettermeli nemmeno certi dubbi che poi mi deprimo!! Rat-Man non morirà mai! :-)

  27. #27 by gattopesce on 17 November 2005 - 09:47

    racoss:stai confondendo un carattere di punteggiatura (l’apostrofo) con la figura grammaticale (apocope, che indica appunto il troncamento della parte finale di una parola).nella lingua italiana scritta, l’apocope si indica utilizzando appunto il carattere apostrofo e non l’accento, per cui si ha:po’ per pocofa’ per faiva’ per vaie così via.Ci sono esempi anche nell’italiano arcaico o obsoleto, tipo co’ per con.

  28. #28 by raccoss on 17 November 2005 - 09:10

    Sono preoccupato: l’ultimo numero conclude l’episodio “la fine di Rat Man”.Ma continua?

  29. #29 by GattoVI on 16 November 2005 - 20:35

    sonoffog: licenza poetica… per cosa?Alex_Vr: limitiamoci all’ortografia sennò non la finiamo più :-)

  30. #30 by GattoVI on 16 November 2005 - 20:31

    Venerdì 12: “Ciao Bedelia, sono io. Come? Ah sì! Adesso ti leggo il numero che mi hai tatuato sulla coscia”O ancora:”Quel foglietto che hai dimenticato mentre mi prendevi a mazzate col crick. Adesso te lo leggo: patate, carote, 1 litro di latte…”

  31. #31 by larvotto on 16 November 2005 - 19:22

    OT: ti piace rat-man!!!! :)”Fletto i muscoli e sono nel vuoto” è un vero mito!!!ps”venerdì 12″ ti è piaciuto?Io mi sono innamorato di Bedelia :D

  32. #32 by larvotto on 16 November 2005 - 19:21

    Grazzie.Mi a fatto davvero molto molto piacere che tu ai voluto con il tuoi inegniamenti darci un aiuto per avere un vero aiuto quando noi andremo a scrivere i nostri post.Adesso poi dovrò stare più attento.grazie prof.:)pslo so che ho poco da fare lo spiritoso…

  33. #33 by Alex_Vr on 16 November 2005 - 19:09

    Quanto alle pronunce… si dovrebbe dire “facocèro” e non “facòcero”, “scandinàvo” e non “scandìnavo”, “rubrìca” e non “rùbrica”, “utensìle” e non “utènsile”, “persuadère” e non “persuàdere”…;-)

  34. #34 by utente anonimo on 16 November 2005 - 19:01

    Scusa Gatto, a volte sono di fretta e mi dimentico di firmare….L.

  35. #35 by sonoffog on 16 November 2005 - 18:14

    Tiro in causa la licenza poetica, anche se di poeta non ho molto…

  36. #36 by GattoVI on 16 November 2005 - 17:39

    Ti dirò: io sono più fan di Rat-Man che dell’Uomo Ragno. Gh :-)Ma “Fletto i muscoli e sono nel vuoto” non ci azzeccava molto in questo contesto he he he

  37. #37 by ashura99 on 16 November 2005 - 17:31

    Eh eh sul mitico Peter Parker non si scherza :))

  38. #38 by GattoVI on 16 November 2005 - 17:28

    ashura99: grazie per la precisazione :-) Era proprio quella.

  39. #39 by ashura99 on 16 November 2005 - 17:24

    Non so da dove hai preso la citazione…ma se l’hai presa da dove dico io è: “Da grandi poteri derivano grandi responsabilità” :))(Stan Lee e Steve Ditko docet)

  40. #40 by GattoVI on 16 November 2005 - 17:09

    Temo che la mia tastiera sia sprovvista di apocopi ;-)

  41. #41 by raccoss on 16 November 2005 - 17:01

    In realtà quello dopo “po'” non è un apostrofo ma un apocope

  42. #42 by GattoVI on 16 November 2005 - 16:54

    dolcisussurri: mi spaventa un po’ questo potere di provocare l’ansia da errore ortografico.Cit.:Grandi poteri significano grandi responsabilità HI HI HINon ho capito quella cosa dell’acca con are, ere ed ire.

  43. #43 by dolcisussurri on 16 November 2005 - 16:36

    tu sei diabolico!! scommetto che prima di pubblicare il commento hanno tutti controllato se c’erano degli errori!! (me compresa) ;Dcmq per continuare le rime a scuola si diceva che zio e zia non vanno mai in compagnia are ere ire l’acca va a dormire!!!

  44. #44 by GattoVI on 16 November 2005 - 16:25

    ashura99: parli di pronuncia ad un veneto? Non sai che ogni “z” mi provoca attacchi d’ansia? E poi da dove vengo io non si pronuncia la “l” (elle) per cui spesso mi scivola via :-( Per non parlare del già citato passato remoto! Argh!!!!! D’ora in poi, parlerò solo in svenska! ;-) Almeno sono giustificato se dico castronerie ;-)

  45. #45 by ashura99 on 16 November 2005 - 16:02

    Anni e anni di pronuncia sbagliata. Dalle nostre parti si dice il gnocco. Per cui sono troppo abituata a sentirlo così. :)Sai anche la dizione sbagliata causata dall’inflessione dialettale fa i suoi danni. Da me ad esempio il libro si pronuncia “libbro” quindi devi stare moolto attento a non fare errori decisamente terrificanti.Acc..allora non potrò mai dire “io ho soccombuto”? ;P

  46. #46 by GattoVI on 16 November 2005 - 15:33

    ashura99: ovvio che leggo e mi vengono gli attacchi epilettici quando vedo errori macroscopici. Ma come tutti gli esseri umani (beh, la maggior parte), sono un essere politico e passo sopra pensando che io ho i miei difetti (non so usare le virgole, per esempio!) Lo pneumatico sembra artificale pure a me, per cui ovvio dicendo “la gomma” ;-) Ma lo gnocco che ha? Non riuscirei mai a dire *il gnocco Pare che il verbo soccombere difetti del participio passato. Poco male :-) Non do voti sui commenti, stai tranquilla :-) Al massimo posso essere o non essere d’accordo :-)

  47. #47 by ashura99 on 16 November 2005 - 15:15

    Complimenti bel post!!!!Adesso però ho un pò paura a scriverti :(Cercherai tutti gli errori possibili e immaginabili.Posso solo dire che “il pneumatico” sebbene scorretto dal punto di vista grammaticale a me “mi” piace di più rispetto a “lo pneumatico”?Ogni volta che lo sento dire, quest’ultimo ovviamente, mi vengono i brividi..tipo unghie sulla lavagna. (idem per lo gnocco).Cmq..bando alle ciance (è corretto? a proposito hai dimenticato l’esempio con le ciliegie) una domanda…ma il passato prossimo del verbo “soccombere” esattamente qual è?Non è che in futuro ti metti a dare i voti sui commenti vero? ;))

  48. #48 by GattoVI on 16 November 2005 - 13:25

    anonimo: perché non ti firmi? Hai paura di essere rintracciato/a dai miei scagnozzi? ;-)

  49. #49 by utente anonimo on 16 November 2005 - 13:21

    Lo so che te la prendi spesso contro il governo….Lo so bene cosa vuol dire non avere lavoro!!!!!

Leave a Reply

Please log in using one of these methods to post your comment:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: