Italiani nel mondo

Allaeroporto di Tallinn, in attesa dellaereo per Köbenhamn, limmancabile colonia di italiani in ferie.

Noi tentavamo diconfonderci con la tappezzeria sparando qualche precis e absolut ogni tanto (precis e absolut hanno segnato la nostra vacanza: questi due itercalari svedesi erano il segnale che cera qualche italiano nei paraggi) ma uno di essi ci individua e si avvicina. Attacca bottone col mio compagno di  viaggio (che già aveva riconsciuto lappartenenza alla stessa regione).

Fra il bla bla, questa perla: "sì perché al di fuori di Tallinn, cosa vuoi che ci sia da vedere in Estonia?"

No, non aveva laccento milanese, ma la spocchia era uguale uguale. Questo conoscitore del mondo si è anche premurato di farci sapere che lui lavora in Danimarca per la ditta XY (mai sentita!). Caspita! Abbiamo incontrato un vero uomo di mondo, di quelli che non saprebbero distinguere un paesaggio vero da uno in cartolina.

In effetti non è che mi sia sentito granché onorato di aver potuto ammirare da vicino un vero esemplare di homunculus italicus.

La prossima volta sceglierò il rettilario.

<!– –>

  1. #1 by GattoVI on 23 August 2005 - 16:40

    HA HA HA

  2. #2 by utente anonimo on 23 August 2005 - 16:32

    consorte e io quando siamo in spagna al mare e vediamo (o meglio “sentiamo”) arrivare gli italiani ci mettiamo a parlare spagnolo con lo stesso tono di voce che usavamo prima (ossia sottovoce come tutti – italiani esclusi). del resto in una spiaggia nudista spagnola chi sono gli unici che vengono vestiti con l’ultimo costumino alla moda e si stupiscono perché nessuno se li fila anche se continuano ad andare su e giù per ostentare? tre possibilità:a – i modelli che hanno sbagliato l’indirizzo della filatab – i modelli che dovevano fare le foto ma a cui il fotografo ha tirato il paccoc – le modachecche italiane

  3. #3 by GattoVI on 23 August 2005 - 09:51

    angry: ha ha ha. Anche voi avete tentato di mimetizzarvi con la tappezzeria, negando per 3 volte di essere ittaliani ;-)

  4. #4 by angry on 23 August 2005 - 09:38

    L’isola greca delle mie splendide vacanze è meta prevalentemente di turisti greci e fortunatamente l’homo italicus è raro a vedersi.Una sera però ci è capitato di cenare in una taverna che era stata presa d’assalto da cinque o sei famiglie milanesi con grosso quantitativo di figli a seguito. Si lamentavano di qualunque cosa, della difficoltà nel raggiungere le spiagge (forse loro preferivano la comodità di Riccione), della mancanza di pasta nel menù greco (che offre comunque svariate prelibatezze), degli usi e costumi del luogo. I figli non erano da meno. La cosa peggiore era che dai discorsi emergeva fortemente la loro considerazione dei greci, rispetto agli italiani, pari a gruppi di “trogloditi”. Tutti questi discorsi erano fatti in italiano, senza considerare che quasi tutti i gestori di locali di ristorazione dell’isola conosevano benissimo la nostra lingua.Avremmo voluto sprofondare e per la vergogna abbiamo ordinato in inglese e in greco.

  5. #5 by GattoVI on 22 August 2005 - 09:27

    Orpo! Questa scena merita certo il primo premio per la figuraccia che ci hanno fatto fare :-(La prossima volta, invece di invocare l’aiuto degli dei (che, si sa, guardano sempre da un’altra parte, quando ci servono), munisciti di bazooka prima di inziare un viaggio: io sto pensando ad qualche forma di virus paralizzante che colpisca i connazionali particolarmente “vispi”; un bacillo che si attivi in presenza di dosi massicce di mozzarella e vino!

  6. #6 by utente anonimo on 22 August 2005 - 09:20

    australia, uluru (ex ayers rock) enorme monolite sacrissimo per gli aborigeni – un po’ come fosse san pietro. siamo sulla spianata belvedere al tramonto per ammirare lo spettacolo di quel luogo magico in assoluto e religioso silenzio. arrivano quattro pullman turistici e sbarcano varie centinaia di italiani e indovinate che cosa si mettono a fare? tiran fuori damigiane e cominciano a bere, strepitare e a CANTARE A SQUARCIAGOLA LE OSTERIE (osteria numero venti paraponziponzipò), il tutto ignorando completamente uluru, il fatto che stavano infastidendo a mille chi era lì con tutt’altro spirito e soprattutto lo sgarbo a un luogo sacro per la religione locale. in quel momento ho pregato gli dei dell’uluru che mi materializzassero in mano un bel bazooka ma si vede che si erano tappati le orecchie per il fastidio :(

  7. #7 by GattoVI on 21 August 2005 - 19:32

    mumita: mi dispiace! Anche perché avresti trovato il bel tempo e, come sai, da queste parti è sempre un terno al lotto!

  8. #8 by mumita on 21 August 2005 - 19:22

    La mia gita in Svezia è saltata….spero di rifarmi prossimamente… oggi in giro per Oslo si sentiva parlare solo italiano e spagnolo….ma io ho finto!!!

  9. #9 by GattoVI on 21 August 2005 - 13:12

    jackpatch: avevo specificato di avere solo dei flash. Questo è uno di quelli: vorrei però riuscire ad organizzare i miei flash in qualche modo :-/

  10. #10 by jackpatch on 21 August 2005 - 13:07

    “Vorrei avere gustosi aneddoti da riportare, come fanno tutti.” Come vedi anche tu ce l’hai… (aneddoti gustosi da riportare :D)

  11. #11 by scott.ronson on 19 August 2005 - 19:38

    :-) sì, l’idea che danno è un po’ quella…a.

  12. #12 by GattoVI on 19 August 2005 - 17:40

    10 uomini ammucchiati? Che genere di foto erano? ;-)

  13. #13 by scott.ronson on 19 August 2005 - 17:23

    Dimenticavo: le meravigliose foto delle vacanze all’estero di un mio coinquilino, tutte uguali: un gruppo di una decina di uomini tutti in posa ammucchiati davanti a una macchina. Impossibile distinguere amsterdam da monaco dalla spagna, ecc (se non per l’abbigliamento che cambiava a seconda del clima)a.

  14. #14 by mumita on 19 August 2005 - 15:10

    Grazie, speriamo di riuscire ad andarci anche perchè non è così lontana da Oslo e tutti, compreso tu, mi dicono che è una bella città, e poi se non ne approfittiamo ora chissà quando ci ricapita!p.s. sono pronta a schivare il pericolo italiano!!!

  15. #15 by GattoVI on 19 August 2005 - 14:52

    mumita: li riconoscerai: viaggiano sempre in branco, magliettina col collo alzato, maglioncino legato in vita, occhiali da sole anche a mezzanotte, urlano anche se sono a 3 cm di distanza l’uno dall’altro.Se li vedi da lontano, fuggi a gambe levate ;-)P.S.: buon soggiorno a Göteborg, bellissima città.

  16. #16 by mumita on 19 August 2005 - 14:41

    Forse domani vado a Goteborg, se trovo posto in ostello..so che non rientra nel post, quindi ci aggiungo che mi aspetto di trovare italiani anche lì. Soprattutto giovani a caccia di svedesi, come qui lo sono a caccia di norvegesi!!!E poi dicono che è solo un luogo comune!!!

  17. #17 by jackpatch on 19 August 2005 - 13:51

    ;P

  18. #18 by GattoVI on 19 August 2005 - 09:25

    salieri: il fatto che tu non abbia un ai-pod non ti rende obsoleto: ti rende essere pensante ;-)

  19. #19 by GattoVI on 19 August 2005 - 09:23

    callmeishmael: verissimo quello che dici. NON tutto il mondo è paese: ogni nostra azione è legata e codificata all’ambiente da cui proveniamo per cui risulta difficile imbroccarle sempre giuste quando siamo fuori dal nostro “orticello”.Affrontare un posto straniero richiede la stessa attenzione del classico elefante nel negozio di cristalli: qualche cosa va semrpe rotto.Ma c’è modo e modo: a me ha dato fastidio la supponenza dell’individuo che ho citato; non ho approfondito, ma presumo che, se avessi chiesto, mi avrebbe pure detto che in Estonia non sanno fare una pasta alla carbonara decente.

  20. #20 by salieri on 19 August 2005 - 09:20

    il tipo che hai incrociato doveva essere lo stesso che una sera ho incontrato fuori da un pub, qui a roma, dal nome beefeater. che al telefono diceva a qualcuno, per darsi un appuntamento, “sto’ davanti al beefeater, come dire mangiatore di agnello” !!!psa me MI danno dell’obsoleto perche’ vado ancora in giro con la reflex e le diapositive e con il lettore cd portatile anziche’ l-aipod.

  21. #21 by CallMeIshmael on 19 August 2005 - 09:13

    Anche io quando vado all’estero rifuggo dagli italiani, perchè li trovo supponenti, ignoranti, presuntuosi, ed oggettivamente chiassosi: ricordo una mattina in cui pisolavo nell’immenso prato del Castello di Kilkenny, in Irlanda. Arrivano tre pulmann di italiani, e dopo cinque minuti il prato diventa un orendo campo di calcio. Mi sono vergognato, ma la questione è un’altra: sono sicuro (siamo sicuri) che in qualche altra circostanza qualcun’altro non si sia vergognato di me? Ho fatto sempre del mio meglio per evitare le brutture del turista rozzo, ma si sa mai…

  22. #22 by bo71 on 19 August 2005 - 09:11

    ragazzi è molto vero, che io quando ero giovine ad amsterdam fui avvicinato solo da italiani che chiedevano se avevo smoke…(avendo io occhio azzurro, colorito pallido e capello chiaro, con il mio look tipico di allora sandalo con calzino e bermuda…ero molto nordico)…però è anche vero che qui in italia vedi spesso nordici veramente maleducati, che pisciano sui monumenti, che toccano o fotografano le opere d’arte e che urlano e sbraitano.insomma…direi che tutto il mondo è (più o meno) paese…

  23. #23 by eaglehawk on 19 August 2005 - 09:06

    Mi parlate male degli italiani, sottolineate la supponenza dei milanesi. Dovrei sentirmi onorato di questi complimenti?Anyway, it was a joke! :)

  24. #24 by GattoVI on 19 August 2005 - 08:06

    eaglehawk: comunque sia, mi sfugge il senso del tuo commento al mio post…

  25. #25 by GattoVI on 18 August 2005 - 23:55

    eaglehawk: guarda che stai per entrare in un campo minato! Su Star Trek sono ferratissimo ;-)Le “protiberanze nasali” nei romulani proprio non le vedo. Caso mai quelle sporgenze sulla fronte (non corna!!!) che secondo me sono errate, visto che romulani e vulcaniani sono la stessa razza ed i vulcaniani non ce l’hanno. Ma vallo a spiegare ai truccatori delle serie più recenti ;-)

  26. #26 by eaglehawk on 18 August 2005 - 22:44

    Ciccio, non mi freghi, io sono un cultore del genere. Le protuberanze nasali/occipitali sono famose nella nostra razza!:)

  27. #27 by GattoVI on 18 August 2005 - 20:55

    mumita: fa’ come faccio io: quando incontro italiani parlo svedese; quando incontro svedesi, parlo italiano HA HA HA

  28. #28 by GattoVI on 18 August 2005 - 20:50

    eaglehawk: non ti seguo. Cosa devi farti togliere dalla faccia? qui trovi dei romulani.

  29. #29 by mumita on 18 August 2005 - 20:26

    E’ brutto dirlo, ma quando mi capita di incrociare degli italiani turisti,qui ad Oslo, spesso faccio finta di niente;anche perchè la maggior parte delle volte urlano e sbraitano in pieno giorno e questo atteggiamento mi mette in imbarazzo.Per quanto riguarda l’ignoranza storico-geografica, ecc anche i norvegesi non sono secondi a nessuno….un tipo mi diceva che era stato in Italia, salvo scoprire che era stato a Nizza e poi a Lugano…va bene che i nomi ingannano ma sei ci sei stato!!!!

  30. #30 by eaglehawk on 18 August 2005 - 20:20

    Mi sono offeso. Ecco.:pNon tanto perchè sono romulano… è che ho preso possesso di una abitazione a Milano e quindi in Italia.E poi, credimi, per farmi andare via le protuberanze romulane, l’intervento chirurgico che ho fatto mi è costato un occhio della nuca. Sì, hai capito bene. Cosa pretendevi? Dovevo farmi togliere quelli della faccia?>:(

  31. #31 by GattoVI on 18 August 2005 - 19:37

    A colpi di mitra e disgregatori romulani? ;-)

  32. #32 by scott.ronson on 18 August 2005 - 18:28

    Croazia. Folto gruppo di italiani nell’arena di Salona, vicino a Spalato.”Che è questo, un teatro?””Tsk! i romani mica ce li avevano i teatri…”(infatti plauto scriveva sceneggiature per scontri tra gladiatori, no?)Ancora prima, sul traghetto. Si arriva in vista di spalato. Una signora si avvicina alla mia ragazza e le chiede:”Ma spalato che cos’è?””Eh?””nel senso, è la capitale della croazia?””No, non è la capitale””Ah, quindi è un paesino così”(oltre 200.000 abitanti)E poi taaaanti episodi di supponenza, inutile superiorità e maleducazione sparsi qua e là.La prossima volta che vado all’estero applicherò una de-italianizzazione totale, credo.a.

Leave a Reply

Please log in using one of these methods to post your comment:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: