Pecore e caverne

Autunno 2003: ho trasformato la mia casa in una grotta in cui mi sono rinchiuso per fare leremita. Pensavo che lisolamento mi avrebbe aiutato a superare la crisi. Mi sono separato da tutto e tutti. Ho ridotto i contatti al minimo (incredibile ma sono riuscito a ridurli ulteriormente rispetto a prima). Ho messo allentrata un folto gregge di pecore che dovevamo aiutarmi ad isolarmi ulteriormente. Mi sono chiuso a riccio. Quante volte mi è stato giustamente rinfacciato.
A distanza di (tanti) mesi mi rendo conto che la cura non è servita a niente. Adesso mi ritrovo con pecore aguerrite, ben decise a non lasciarmi uscire neppure in quei rari momenti in cui vorrei un po daria nuova. Mi sono lasciato intrappolare e adesso fatico a liberarmi. A volte mi capita di scappare fuori ma presto vengo richiamato allordine: mi sono costruito una prigione. Le pecore belano ed è il richiamo delle sirene: subito mi tornano in mente i motivi della mia chiusura al mondo; la depressione si ripresenta in armi, decisa ad avere di nuovo il controllo che per tanti mesi ha esercitato su di me.
Vorrei della dinamite per far saltare la caverna: uscire e vedere le stelle, il cielo, i prati e i fiori di nuovo.
Ma no: nella mia grotta in realtà ci sto bene; mi piango addosso; ho la scusa per non fare nulla per cambiare le cose. Tutto sommato finché sono qui dentro, nulla può succedermi: ho fatto in modo che nulla possa più ferirmi.

Una prigione è questo: non separa il mondo dal carcerato; separa il carcerato dal mondo.

Ma sono stanco di tentare di convincermi che così non starò più male. Non ci credo io per primo. Mi sto negando praticamente tutto. Fra 300 anni, quando ripenserò a questi momenti, probabilmente mi darò dello stupido: daltra parte è dallautunno del 2003 che lo sto facendo.






<!– –>

  1. #1 by GattoVI on 14 July 2004 - 23:46

    Tu sottovaluti il potere segreto delle pecore!!! Nemmeno Sailor Moon può nulla contro di loro!

  2. #2 by Arsenio76 on 14 July 2004 - 22:56

    Ecco…da settembre 2003? Forse sarà pure il caso di tosarle almeno quelle pecore… e poi chissà… scappare fuori mentre si distraggono…

  3. #3 by quisquose on 14 July 2004 - 21:04

    Io fuori della porta ho i gatti del vicino. Credo dormano sul mio zerbino. Buonanotte ;-)

  4. #4 by GattoVI on 14 July 2004 - 00:00

    sephiroth77: una volta per tutte: il dottor Spock è un noto autore di libri di puericultura/educazione dei bambini.il signor Spock è l’ufficiale scientifico della nave stellare Enterprise, personaggio della serie TV e cinematografica Star TrekWarrior: son loro a tenere prigioniero me!

  5. #5 by Ellie_Arroway on 13 July 2004 - 23:57

    Anch’io sto qui, a chiedermi quando il piacere della solitudine si trasforma in misantropo isolamento. Con comprensione. Ellie

  6. #6 by Warrior on 13 July 2004 - 23:51

    Povere Pecore! Lasciale libere, no?

  7. #7 by sephiroth777 on 13 July 2004 - 23:48

    ciao spero che passerai a leggere il mio blog!ciao,dottor spok teletrasporto!

Leave a Reply

Please log in using one of these methods to post your comment:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: